Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
BIO Dipartimento di Biologia
Home page > Ricerca > Dottorato di ricerca > Dottorato di Ricerca in Biologia > Curricula > dal XXVI al XXVIII ciclo

Curricula XXVI-XXVIII ciclo (Dottorato di ricerca in Etologia, Ecologia, Antropologia e Biosistematica)

INDIRIZZI:

1- ETOLOGIA ED ECOLOGIA
Referente: Prof. Francesco Dessì-Fulgheri (francesco.dessi(AT)unifi.it)
 

Curricula:

  CURR 1) Organizzazione ed evoluzione delle società animali
   

Insetti
Le ricerche riguardano: a) l'evoluzione dei meccanismi etofisiologici sottesi alla organizzazione presociale ed eusociale degli Insetti; b) i fenomeni di biocomunicazione e di difesa della colonia; c) il comportamento riproduttivo, dagli apparati ai sistemi nuziali.
Vertebrati
Le ricerche si inquadrano nel campo dei meccanismi neuroendocrini di regolazione del comportamento nei Vertebrati, con particolare riguardo ai comportamenti sociosessuali e al loro significato adattativo.

  CURR 2) Aspetti spaziali e temporali del comportamento ed implicazioni morfo-funzionali
   

Le ricerche riguardano vari aspetti della ecofisiologia ed ecoetologia dell'organizzazione spaziale del comportamento. Dei fenomeni di orientamento astronomico e magnetico degli invertebrati ecotonali si analizzano le componenti genetiche e l'interazione tra i vari meccanismi di orientamento. Studio dei fenomeni di homing. Meccanismi di scelta attiva e di utilizzazione dell'habitat e delle sue risorse, nonché dei relativi movimenti interni e esterni ad esso in vari modelli biologici. In campo morfofisiologico saranno considerati i recettori sensoriali implicati nell'orientamento secondario.
Gli aspetti temporali del comportamento si occuperanno della regolazione temporale delle attività a varia periodicità, sia in natura che in laboratorio. Un importante obiettivo della ricerca è l'analisi dei modelli di organizzazione temporale, la variabilità intraspecifica dell'organizzazione
temporale dell'attività ed il suo eventuale controllo endogeno, in diversi modelli biologici caratteristici di vari ambienti.

  CURR 3) Tecniche di genetica molecolare applicate alla etologia ed alla ecologia animale
   

Applicazione di protocolli di indagine di genetica molecolare e genetica di popolazione a studi di etologia ed ecologia animale, conservazione e gestione della fauna selvatica. Utilizzazione di marcatori del genoma nucleare e mitocondriale per ricostruzione di relazioni filogenetiche e filogeografiche, variazioni demografiche e determinazione della struttura di popolazione in vari modelli biologici di regioni tropicali e temperate e nelle biocenosi acquatiche sotterranee. Sviluppo e caratterizzazione di marcatori genetici ipervariabili del DNA nucleare per analisi di parentela e studio delle strategie riproduttive, la descrizione del livello di polimorfismo al complesso maggiore di istocompatibilità in relazione ai meccanismi di scelta sessuale femminile, DNA barcoding per risoluzione di problematiche tassonomiche e sviluppo di DNA microarrays per definizione di biomarcatori di stress ambientale.

  CURR 4) Ecoetologia, ecofisiologia animale ed ecotossicologia
   

Le attività di ricerca riguardano aspetti sia teorici che applicativi all'interfaccia tra l'ecologia ed altre discipline quali la etologia, la fisiologia adattativa animale e la tossicologia ambientale. L'obiettivo formativo generale del curriculum è quindi quello di dotare lo studente di dottorato di tutti i concetti e gli strumenti di analisi che gli consentano di integrare lo studio del comportamento animale, della fisiologia animale e della ecotossicologia in un contesto di analisi funzionale-adattativa riferita alle variabili ambientali sia di tipo naturale che sottoposte ad impatto antropico. Gli aspetti applicativi vanno dalla gestione di problemi di conservazione delle popolazioni animali allo sviluppo di tecniche di monitoraggio ambientale basate su marcatori funzionali e comportamentali.
In particolare il curriculum rivolgerà attenzione alla quantificazione degli effetti dei fattori di stress biotici e abiotici a livello individuale, di popolazione e comunità. Biomonitoraggio e indicatori biologici.
Effetti di sostanze inquinanti sulle comunità biotiche di ecosistemi diversi
Studio degli adattamenti fisiologici e comportamentali di invertebrati e vertebrati , in laboratorio e in natura, in condizioni ambientali diverse.
 

2- ANTROPOLOGIA
Referente: Prof. David Caramelli (david.caramelli(AT)unifi.it)
 

Curricula:

  CURR 1) Evoluzione, stile di vita e adattamento in popolazioni umane antiche e moderne
    Antropologia scheletrica
Le attività di ricerca nel settore della antropologia scheletrica sono relative all'analisi delle caratteristiche antropologiche, lo stato di salute e la qualità della vita di popolazioni italiane vissute nel periodo dall'Età del bronzo fino al Medioevo.
Paleoantropologia
Le attività di ricerca nel settore della paleoantropologia sono relative alla ricostruzione della fasi più antiche delle evoluzione umana, con particolare riferimento alle forme di Ominidi fossili vissuti nel Pleistocene inferiore dell'Africa meridionale.
  CURR 2) Evoluzione e filogenesi del genoma e del comportamento nei Primati

 

  Evoluzione del Genoma nei Primati Lo studio dell' evoluzione del genoma dei Primati consiste nell'analisi e nella comparazione dei genomi di differenti specie al fine di comprendere la funzione e i processi evolutivi che modificano i genomi. Evoluzione del comportamento nei Primati Studio dell'evoluzione del comportamento delle diverse specie di Primati per comprenderne l'evoluzione e la filogenesi e per poter coniugare gli aspetti anatomici, morfo-funzionali, genetici, eto-ecologici e cognitivi.
  CURR 3) Tecniche di antropologia molecolare e paleogenetica applicate alla caratterizzazione ed allo studio dell'evoluzione di genomi antichi / degradati
    Antropologia Molecolare/Paleogenetica
Le attività di ricerca nel settore dell'antropologia molecolare /paleogenetica riguardano principalmente le analisi sul DNA antico/degradato.
Antropologia Forense
Le attività di ricerca nel settore dell'antropologia forense,riguardano principalmente la comprensione dei fenomeni di contaminazione che possono avvenire durante il deposito ed il recupero dei reperti scheletrici.
3- BIOLOGIA VEGETALE
Referente: Prof. Laura Maleci (laura.maleci(AT)unifi.it)
  Curricula:
  CURR 1) Botanica sistematica ed Ecologia vegetale
    Concetti di base di Sistematica, Tassonomia e Nomenclatura: metodologie tassonomiche di campagna e di laboratorio; processi riproduttivi, processi di speciazione; cariologia, chemiosistematica. L'indagine tassonomica finalizzata alla conservazione e alla protezione dell'ambiente. Paleobotanica e Palinologia applicate ai problemi ambientali.
Corologia e Scienza della vegetazione: modelli fisionomico-strutturali, modelli floristici, modelli dinamici. Rilevamento, interpretazione e classificazione della vegetazione. Cartografia e gestione del territorio e del paesaggio vegetale.
Ecologia vegetale marina: Distribuzione della biomassa fitoplanctonica. La radiazione solare sottomarina e suo assorbimento. I nutrienti. Le fitocenosi planctoniche e le loro variazioni spazio-temporali. Esperienze di campionamenti e misure in mare. Telerilevamento satellitare della produzione primaria microalgale. Alterazioni trofiche in ambienti marini e di transizione.
  CURR 2) Ecofisiologia vegetale
    Fattori ambientali e adattamento dei sistemi vegetali: concentrazioni tossiche di metalli pesanti nel suolo e processi di accumulo e di esclusione nelle piante. Studio della tossicità indotta da metalli pesanti nei sistemi vegetali e loro interazione con altri fattori di stress. Meccanismi fisiologici di mantenimento dell'omeostasi cellulare; efficacia dei meccanismi biochimici e molecolari nell'adattamento e la sopravvivenza delle piante.
  CURR 3) Morfologia vegetale comparata
    Studio dei meccanismi vitali e dei processi riproduttivi nelle piante. Utilizzazione dei caratteri micromorfologici per caratterizzare taxa affini. Localizzazione di principi attivi nella pianta con tecniche di microscopia ottica ed elettronica. Isolamento di principi attivi con finalità anche tassonomiche ed ecologiche.
  CURR 4) Botanica applicata
    Studio della distribuzione, delle strategie adattative, dell'uso delle risorse e delle ineterrelazioni con l'ambiente dei vegetali fotosintetici. Valutazioni di impatto ambientale e monitoraggio delle comunità vegetali anche in relazione ai cambiamenti globali.

 

 
ultimo aggiornamento: 21-Dic-2017
Unifi Dipartimento di Biologia Home Dottorato di Ricerca in Biologia

Inizio pagina